I miei strumenti di pittura


Vorrei riportare su questa pagina la mia esperienza sugli strumenti che uso per dipingere, sarà quindi

una pagina  LAVORI IN CORSO, in cui descrivo il contenuto e l'uso degli strumenti presenti  nella

mia borsa dell'aspirante o diversamente  pittore:



i colori in polvere: vengono  impastati  con l'aiuto di una spatola di metallo,  rigida ma elastica, con l'aggiunta di medium o diluenti, bisogna lavorarli abbastanza a lungo in modo da "rompere" completamente la polvere e ridurli ad uno stato cremoso, omogeneo e senza grumi.

Questo lavoro si fa su una mattonella perfettamente pulita e sgrassata con alcol:




é importante sepere che le regole di combinazione dei colori primari non si applicano alla pittura su

porcellana, perché con la successiva  cottura, il risultato finale dipende da una reazione chimica.

I colori sono costituiti essenzialmente da due componenti: un ossido metallico, che dà il colore, ed un fondente, una miscela di sabbia, borace e minio che svolge una funzione di fissativo, grazie ad una reazione chimica, durante la cottura permette al colore di fondersi con la superficie cristallina, rendendo il decoro indelebile.

I lustri - sono colori a terzo fuoco dagli effetti iridescenti,una volta aperti tendono a seccare, non lasciamoli esposti all'aria.

Il pennello dopo l'uso va pulito con l'apposito diluente per lustri.
Non si mescolano i lustri tra di loro, fatta eccezione per il madreperla iridescente che può essere usato per schiarire i lustri più scuri,

inoltre prima della cottura il colore è diverso, voi sapete di stendere il giallo ma lo vedete verde, il che crea qualche difficoltà visiva.

Importante: i lustri non devono mai toccare il colore, è consigliabile una cottura intermedia quando un lavoro richiese sia lustri che colori.

medium: olio molle - i colori non asciugano mai, quindi la tavolozza, che può essere una mattonella o una base di vetro,  e i  colori impastati devono essere conservati al riparo dalla polvere, nel primo caso io  uso le scatole  dei cioccolatini rocher, per i colori   scatole a scomparti di plastica: etichettate ogni scomparto con il nome e il numero del colore in esso presente.


                                                                                                                                               
olio per delineo - essenzialmente serve per essere usato con il pennino, quindi per contornare o fare   delle scritte, la giusta consistenza del colore si raggiunge quando dalla spatola il colore scende a         goccia. Asciuga rapidamente, e non tutti i contenitori ne permettono la buona conservazione, fino ad ora l'unico veramente adatto è stato questo porta lentine.



nel video trovate un esempio di come si usa il pennino



delacco rosso - è un liquido, denso e colloso, che si stende con il pennello sulle zone del lavoro che non devono essere colorate, forma una pellicola protettiva, che ci permette di colorare il resto del lavoro in maniera più comoda, senza sporcare la parte che non ci interessa, soprattutto quando vogliamo tamponare solo alcune parti dell'oggetto,  la pellicola si può rimuovere con l'aiuto di una
pinzetta.      


                                                                                          
                                               
Se con il tempo assume una aspetto gelatinoso, può essere diluito con acqua tiepida.                            
A lungo andare il delacco rovina le setole dei pennelli, usiamo quelli meno pregiati, e laviamoli con acqua e sapone da bucato.          

Spugnette per tamponare - una volta steso il colore con il pennello, per renderlo omogeneo,   
soprattutto su superfici un po' ampie, lo si tampona con queste spugnette di materiale resistente ai solventi e dalla grana molto fine in modo da lasciare una traccia il più possibile omogenea, al termine possono essere lavate con del comune sgrassatore:

Spugnetta abrasiva:  serve per levigare la superficie della porcellana dopo la cottura, la porzione 

abrasiva è costituita da una tela vetrata a grana molto sottile, scartavetrare l'oggetto è necessario  

se dobbiamo lavorarci di nuovo per eliminare le  imperfezioni dovute ad addensamenti di colore o 

altre piccole asperità.                                                                                                                            

                                                                                                                   



Carta copiativa : quella usata per riportare un disegno sulla porcellana è diversa dalla, comune carta

carbone  perché il tratto sulla porcellana si deve cancellare con la cottura del pezzo.                                                                                                                                     


                                                                                                                         
               ,                                                                                                                                      
                                                                                                                                                     


Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il commento